Immigracoop

Posted by: 03 Lug 2015
Il Consorzio di cooperative sociali “Leonardo” di Pordenone, grazie al finanziamento ottenuto dal Ministero dell’Interno con la Riserva Fondo Lire UNRRA, ha avviato il progetto Immigracoop finalizzato all’intergrazione e alla coesione sociale di lavoratori stranieri all’interno delle società di Confcoopertive.

Il progetto vede coinvolti, oltre al Consorzio “Leonardo” in qualità di capofila, partners istituzionali quali la Prefettura di Pordenone, la Provincia di Pordenone e il Comune di Pordenone, ma anche l’Unione provinciale Cooperative Friulane, l’Ente provinciale Sviluppo Cooperazione, la BC.C. Pordenonese, la B.C.C. di S. Giorgio e Meduno, Irecoop FVG, il Consorzio nazionale di cooperative sociali “Idee in Rete”, il Centro Studi Sociali “L. Scrosoppi”, l’Associazione “Le Nuvole”, “Majawe” Società cooperativa, la Cooperativa sociale “F.A.I.”, l’Associazione di volontariato “Il Bucaneve”, la Cooperativa sociale “Acli”, la Cooperativa sociale “Il Piccolo Principe”, l’Associazione di volontariato “Il Segno” e la Cooperativa sociale “Il Punto”. Inoltre il progetto è attuato d'intesa con l'Assessorato Regionale all'immigrazione.

L’iniziativa prevede una serie di azioni che hanno come principali finalità quello di promuovere relazioni tra lavoratori italiani e stranieri, favorire pari opportunità di accesso ai servizi pubblici e privati, favorire l’integrazione attraverso una più profonda conoscenza della comunità locale. I destinatari sono gli stranieri neo comunitari ed extra comunitari (e le loro famiglie) che lavorano presso le 136 società cooperative (sociali, agricole, di produzione lavoro, di consumo, ecc.) che aderiscono all’Unione provinciale delle Cooperative Friulane, dislocate su tutto il territorio della provincia di Pordenone.

In 18 mesi, questa la durata del progetto “Immigracoop”, il Consorzio “Leonardo” grazie alla collaborazione dei partners realizzerà una serie di attività che prevedono: una ricerca – azione che analizzi il livello di integrazione dei lavoratori stranieri impiegati presso le società cooperative, ne rilevi i bisogni e fornisca risposte; un servizio di traduzioni e interpretariato; specifiche forme di tutorship e di affiancamento per l’inserimento al lavoro di stranieri svantaggiati; corsi di sensibilizzazione e di educazione civica al fine di approfondire la conoscenza dell’ambito in cui sono inseriti; infine un punto informativo non istituzionale che fornisca indicazioni utili a una miglior integrazione sociale nel nostro territorio.

Progetti correlati

Utilizziamo i cookie per garantirvi la migliore esperienza sul nostro sito.